Riccardo Quaggiotto

Pinacoteca OnLine


Home :: Login
Album list :: Last uploads :: Last comments :: Most viewed :: Top rated :: My Favorites :: Search
Choose your language:

Home > Eventi e Mostre > Mostra collettiva Agosto 2006

TITLE  +   - 
FILE NAME  +   - 
DATE  +   - 
POSITION  +   - 
Mostra di Pittura.JPG
Mostra collettiva Agosto 2006116 viewsMOSTRA DI PITTURA DELL'ASSOCIAZIONE AMICI PER L'ARTE DI SAN PIO X di VICENZA. Sottoportico Basilica Palladiana. Vicenza, 10-28 agosto 2006.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Quadri esposti da Quaggiotto Riccardo : " Il bianco silenzio della natura" " Prime luci del silenzio" " Prima di essere farfalle " " Port Lesconil " " Autoritratto "
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Recensione della Prof.ssa Luciana Peretti della "Scaletta 62" di Vicenza : LA PENSOSA OSSERVAZIONE DI RICCARDO QUAGGIOTTO Riccardo Quaggiotto, nipote del fabbro artista di Contrà Porta S.Lucia, è entrato nel gruppo di S.Pio X da autodidatta ma ha espresso la verità del detto "buon sangue non mente". La sicurezza della sua mano esprime in pittura la maturità del suo mondo estetico, costituito da gusto coloristico e segnico, capacità di cogliere le più lievi sfumature atmosferiche, equilibrio rappresentativo degli oggetti. V'è dunque un contrappunto tra etere quasi impercettibile e pacatezza di gelidi pianori immacolati dove l'occhio può spaziare e le pesantezze quotidiane dissolversi per assorbire il fluido della natura primigenia ed invincibile nel suo porsi apparentemente immutato. Il paziente reticolo dei rami è dipinto con grande abilità e sorge senza pesantezze; si avverte una puntiglioza ricerca di perfezione tecnica che sfocia nell'iperrealismo, nell'ideale rappresentazione del concreto. Con curiosità sonda i microspazi, dando rilievo a forme poco percettibili, quali i bruchi dei lepidotteri ed accentua il macroscopico apparire dei tronchi annosi, monumentali tra il fogliame, trattato con film compatto e forma opulenta come nei quadri di Rousseau. Surreale-metafisico è lo sguardo del bambino nel bell'autoritratto infantile, mentre nel paesaggio bretone il pittore consuma la vicenda umana come rapporto di ostinata virtù contro le forze sfuggentemente ostili degli elementi nella penisola nordica.
 
1 files on 1 page(s)